Nash a Lunaria, tra musica e politica

"Mi sembra che il mondo stia impazzendo, soprattutto negli Usa stanno accadendo cose terribili, la verità è che l'America è un grande paese e si merita qualcosa di meglio di Donald Trump". Le parole di Graham Nash, leggendario cantautore di origini inglesi, hanno preceduto la canzone 'Military madness' nell'esibizione alla Rassegna musicale Lunaria a Recanati in cui, oltre a eseguire brani di musica rock e folk che hanno segnato la vita di tre generazioni, Nash ha raccontato storie e aneddoti, ricordando amici e musicisti: dai The Hollies a David Crosby, Stephen Stills e Neil Young, dalla storia d'amore con Joni Mitchell all'incontro con Bob Dylan. Dal palco il cantautore inglese, che si è alternato alle chitarre e alla tastiera, accompagnato dal chitarrista Shane Fontayne e da Todd Caldwell alle tastiere, ha parlato di immigrazione. "Donald Trump - ha attaccato - accusa gli emigranti di essere il male assoluto per il Paese, non è così: la gran parte degli americani sono emigranti".

Altre notizie

Notizie più lette

  1. La Nuova Riviera
  2. Il Resto del Carlino
  3. VivereMarche
  4. Senigallia Notizie
  5. Cronache Fermane

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Montegiorgio

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...